DeltaBlues 2021. Il delta del Po come fosse Mississipi.

Ecco gli artisti del secondo fine settimana blues

DeltaBlues 2021, il blues e soul di AZ Blues

Pubblicato il 23/06/2021

Deltablues 2021
secondo week-end del Festival all’insegna del Blues e del Soul
con Roberto Formignani Band,
Big Daddy Wilson Duo e
Lily Dior & Marco Marzola Quartet

 

Si inizia a Rovigo in Piazza Annonaria giovedì 24 giugno – ore 21,30 – proprio con Lily Dior & Marco Marzola Quartet, secondo appuntamento “Dal Jazz al Blues con Rovigo Jazz Club” dopo Pepper & the Jellies.
Australiana residente ora in Inghilterra, Lily Dior presenta al Deltablues in anteprima il nuovo CD registrato nel 2020 “No More Blues” con una formazione capitanata dal contrabbassista Marco Marzola anche lui residente in Inghilterra e composta oltre che da Marzolla da Michele Vignali sassofono, Lele Barbieri batteria, Nico Menci pianoforte. Lily, artista poliedrica, è conosciuta come una delle migliori cantanti australiane, ora residente in Inghilterra spazia dal jazz al soul/funk. In carriera ha collaborato e condiviso il palco con straordinari musicisti internazionali e si è esibita in prestigiosi teatri e festival. Oltre ad essere una affermata performer, è anche conduttrice radiofonica dei Freedman Fellowship Jazz Awards.

Secondo appuntamento venerdì 25 giugno con inizio alle 21,15 nella cornice del parco di Villa Malmignati di Lendinara con due concerti. Apre la serata il duo Hat’s Effects composto da Diletta Pellizzer (voce, percussioni e pad elettronico) e Gabriele Fassina (voce, chitarra elettrica/acustica, kick e HiHat)
Due bellissime voci, una chitarra graffiante e una batteria integrata da un Pad Elettronico fanno di questo progetto un vero e proprio Power Duo che rivisita in chiave Dirty Blues brani famosi di The Black Keys, Fantastic Negrito, Rival Sons, Larkin Poe e molti altri.
Il concerto evento della serata di Villa Malmignati è il ritorno al Deltablues di Roberto Formignani con una nuova Band composta da Roberto Morsiani alla batteria, Alessandro Lapia al basso, Roberto Poltronieri chitarre acustiche e classiche e Massimo Mantovani tastiere.
Roberto Formignani, è da annoverare tra gli artisti che hanno fatto la storia del blues in Italia.
Attivo fin dai primi anni ’80 quando giovanissimo fonda la The Mannish Blues Band, ha avuto anche partecipazioni importanti trasmissioni radiofoniche (Rai Via Asiago Tenda) e televisive (Quelli della Notte nel 1985 con Renzo Arbore) e collaborazioni con artisti internazionali, in particolare l’armonicista/cantante Andy J Forest e il songwriter americano Dirk Hamilton. Ha all’attivo undici lavori discografici e presenta il suo ultimo nuovo CD “Roberto Formignani”, realizzato lo scorso anno con 12 tracce, 11 delle quali originali ed inedite scritte dallo stesso Roberto, spaziando dal Rock al Country, al Blues e alle Song Ballad.

 
Il concerto di chiusura di questo secondo blocco di anteprime è domenica 27 a Fratta Polesine alle 21,30 presso il “Mulino al Pizzon “, e vede sul palco del Festival il chitarrista e cantante del South Carolina Big Daddy Wilson accompagnato da Cesare Nolli seconda chitarra.
Bluesman dalla voce baritonale vellutata, calda e intensa, percussionista e chitarrista, Big Daddy Wilson ci accompagnerà in un coinvolgente viaggio dalle radici del Delta Blues al blues urbano contemporaneo, sempre interpretandolo con grande gusto e tecnica.
Eric Bibb, maestro del folk blues, con cui Big Daddy ha spesso collaborato in incisioni e concerti, dice di lui: «Non appena si ascolta la voce di Big Daddy Wilson, sia che parli o che canti, si sentono le sue radici. È una voce battezzata nel fiume della canzone afro-americana, una voce con il potere di guarire».

Il concerto si terrà al termine del secondo appuntamento organizzato in collaborazione con Assonautica Veneto Emilia “Deltablues lungo il Fiume di Mezzo” con una escursione fluviale lungo la via d’acqua del Canalbianco, che prevede l’imbarco alle 11,00 presso l’attracco del Mulino al Pizzon di Fratta Polesine.
La navigazione sarà fino all’attracco di Pincara con visita alle Antiche Distillerie Mantovani.
Dopo questa prima visita il percorso nautico-naturalistico riprende fino Arquà Polesine con visita al Castello e successivo reinbarco per ritornare al Mulino al Pizzon dove sarà possibile alle 20,00 circa, prima dell’inizio del concerto, su prenotazione cenare con i prodotti di qualità del Polesine preparati dal ristorante in collaborazione con Slow Food Rovigo
 


 Il Deltablues è organizzato da Ente Rovigo Festival, grazie all’importante sostegno economico della Fondazione della Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, il patrocinio e il sostegno dei Comuni di RovigoAdriaLendinara e Loreo, il patrocinio e la collaborazione del Conservatorio Statale “Francesco Venezze” di Rovigo, il patrocinio dei Comuni di Fratta PolesinePorto Viro e della Provincia di Rovigo.
 
Partner di questa trentaquattresima edizione del Festival sono:
Rovigo Jazz ClubAssonautica Veneto EmiliaSlow Food Rovigo, le web radio RadioBlueTu di Rovigo e Stazione Blues Radio di Bologna, i magazine Rem e Il BluesA-Z Blues e Rootsway.
Si ringraziano COOP Alleanza 3.0 e Mater Biotech-Novamont, sponsor di Deltablues 2021.
 


INFO E BIGLIETTI

L’acquisto dei biglietti in prevendita è fino alle 13,00 del giorno antecedente i singoli concerti presso il sito www.diyticket.it (telefono 06 0406).

Per informazioni consultare il sito internet www.deltablues.it, spedire una mail a info@deltablues.it, telefonare al 346 6028609, visitare le pagine Facebook e Instagram.
 
Tutti i concerti prevedono la riduzione sul costo dei biglietti del 20% per i minori anni 18, i possessori UNIVERCITY CARD del Consorzio Università Rovigo, i soci Rovigo Jazz Club e Slow Food Rovigo, i soci COOP Alleanza 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.