“Un aprile diverso” è il primo racconto su Bazzano di Arnalda Guja Forni

Momenti di vita

Formiamo una collana con i racconti dal diario di Arnalda Guja Forni

 

Pubblicato il 19/05/2020

In memoria di Guglielmina Tibaldi e Antonio Predieri

Arnalda è bazzanese ed una cinna dei Campo dei Fiori, affezionata al suo paese come ognuno di noi, forse lei ancor di più perché lo ricorda da lontano anche se quel “lontano” è poi la città di Bologna. Per chi non è di Bazzano è ora doveroso dare alcune coordinate per capire di quale luogo si stia parlando quando si parla del Campo dei Fiori: si, perchè… il Campo dei Fiori non c’è più, in quanto al suo posto sorsero le Scuole Elementari nel 1911.

Questo la dice lunga sul legame che si viene a creare fra i luoghi e le persone che li hanno vissuti e Arnalda ne tiene un diario emozionale che finalmente si traduce in lettere che noi possiamo leggere. Ecco quindi il suo primo racconto.

 

I cinni del Campo dei Fiori sono quei (per sempre) ragazzi di tante età che hanno vissuto parte della loro infanzia nei giardini delle Case Operaie. A dire il vero alcuni di loro ci vivono ancora, oppure come capita a chi scrive, abita poco vicino.

Ogni tanto, da qualche anno a questa parte, succede che decidano di ritrovarsi tutti insieme per una bella mangiata e ricordare l’un l’altro quanti giochi, risate, arrabbiature ed episodi sono successi in quei pochi metri fra il busto di Garibaldi e quello di Mazzini.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.