Le voci del tempo, Mario Garagnani all’Hotel Rocca

Inizia la serie di testimonianze e incontri promosse da Millecolline

Le voci del tempo. incontri per incontrarci

Pubblicato il 27/01/2023

Il 26 gennaio 2023, nella storica sala dell’Hotel della Rocca dove si riunivano i carbonari Bazzanesi, si è svolto il primo appuntamento della serie di incontri: “Le voci del tempo”.

Una nuova esperienza che ha il sapore di una scommessa relativamente ad una serie di scelte, la prima delle quali riguarda l’orario (ore 17:30), poi il giorno (il giovedì), poi il luogo (l’antica Ustàrii ‘ed satà come dicevano i nostri nonni), a cui aggiungiamo il soggetto (incontri con uomini e donne del logo affezionati al luogo) ed infine il pubblico che la sentivo come vera incognita (… arriveranno persone interessate a questa nostra proposta? Un pubblico nuovo…).

L’attesa del giorno era palpabile ma con magnifica sorpresa, in breve tempo, la sala ha iniziata a riempirsi fino al punto che abbiamo dovuto chiedere una serie di sedie in più per far sedere il pubblico. Inutile dire che ero veramente contento di tutto questo e quasi non sono riuscito ad esprimere tutta la soddisfazione, traducendola in parole, nel vedere tanti bazzanesi e samoggini prestare attenzione a questo incontro.

Certo, devo fare notare una certa propensione al modo (forse troppo) prolisso che ha caratterizzato la presentazione della serata dedicata a Mario Garagnani ma sono certo che questo fiume di parole sia dovuto ad un Franchino Falsetti entusiasta di incontrare tante persone (eravamo un po’ in tensione, da giorni, nell’immaginare quanto ci sarebbe dispiaciuto fare un “fiasco”) a questo prima occasione.

Ringraziamo quindi Mario Garagnani, fornaio bazzanese, che ha avuto l’onere e l’onore di aprire con la sua testimonianza questa nuova occasione per incontrare ed incontrarci in un luogo che ha spesso ospitato e le attività della comunità locale.

Garagnani, Falsetti e Cerè

Colgo l’occasione quindi di invitarvi al prossimo appuntamento, giovedì 23 febbraio, con Andrea Lupo che sarà testimone di come fare teatro per restare umani.

                               Roberto (Rore) Cerè


Abbiamo pubblicato il 09/01/2023

Tutti invitati

E’ aperta a tutti la nuova serie di incontri nati da una intuizione di Franchino Falsetti, sostenuti poi organizzati dalla nostra rivista e concretizzatisi quando abbiamo compreso il coinvolgimento autentico del direttore dell’Hotel della Rocca, Giancarlo Alabiso, al momento in cui gli è stato proposta.

Saranno incontri programmati nel tardo pomeriggio in ogni ultimo giovedì di ogni mese (ad esclusione dei mesi di Luglio e Agosto) in cui interverranno ospiti conosciuti nel nostro territorio che hanno interesse a coltivare e mantenere la cultura locale o la conservazione della memoria come valore; con loro faremo una chiacchierata senza schemi predefiniti dando loro piena libertà di gestione della serata.

Alle ore 17:30

La scelta dell’orario è stata, come sempre, una cosa dibattuta ma al termine di tutto abbiamo pensato che quello scelto potesse essere un orario che non compromettesse la cena oppure che non si accavallasse con altri orari serali in cui potevano esserci altri appuntamenti.

Dove ci troveremo

Ritorniamo quindi ad abitare i luoghi dell'”Ustarì ed Satà”, come veniva chiamato l’Albergo della Rocca dai nostri nonni, e lo faremo ritrovandoci in quello che un tempo era la dispensa tanto cara ai “carbonari ” bazzanesi di metà ‘800. 

La prima data

Inutile dire che siamo contentissimi dell’adesione degli ospiti e dell’interesse che ci hanno dimostrato. Speriamo di divertici assieme a loro nello scoprire la storia, i personaggi, le vite, gli aneddoti e le piccole vicende a rischio “dimenticatoio” che hanno formato la struttura sociale dei nostri luoghi senza che, quasi, ce ne rendessimo conto. 

Quindi il 26 Gennaio si partirà con l’incontro dedicato a Mario Garagnani che ci ricorderà di quanta storia racchiuda l’antico lavoro del fornaio e che, sicuramente e sperabilmente, si allargherà ad altre considerazioni locali attraverso l’incontro con il pubblico. Come si può intuire non saranno serate con binario a senso unico.

Vediamo cosa saremo capaci di inventarci ad ogni serata.

 

 

Testo di Roberto Cerè per la rivista Millecolline

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.