Corti, Chiese e Cortili due concerti (e qualche foto?)

Prosegue l’overture di concerti gratuiti della 34° rassegna

Corti, Chiese e Cortili a Villa Nicolaj e a Casalecchio

Pubblicato il 18/08/2020

Dalle due “incursioni” fotografiche che ho fatto venerdì 31 luglio a Villa Nicolaj (Calcara di Crespellano – Bo) e sabato 8 agosto al Parco della Chiusa di Casalecchio (Bo) risultati alcune cose interessante che propongo come ricordo visivo per coloro che ne hanno avuto il buon ricordo musicale.

 

 

 

 

——————————————————

Pubblicato il 06/08/2020

Sono due i concerti previsti in questa frazione di agosto; eccone la breve presentazione a cura della Fondazione Rocca dei Bentivoglio e della Scuola Fiorini:

Venerdì 7 agosto: Floraleda Sacchi

“Tornano i grandi solisti, nella rassegna di anteprima della 34° edizione di Corti, Chiese e Cortili, con il primo concerto a Sasso Marconi, a Palazzo Sanuti, con protagonista l’arpa, elettrica, della giovane Floraleda Sacchi, venerdì 7 agosto alle ore 21:00. Musicista, compositrice e produttrice, si distingue nel suo originale percorso musicale che unisce arpa acustica con l’elettronica, musica classica, minimale e pop. Nata a Como, ha deciso di suonare l’arpa ispirata dai dischi di Annie Challan. Ha studiato al Conservatorio di Como e si è perfezionata in Germania, Stati Uniti e Canada con Alice Giles, Alice Chalifoux e Judy Loman”

Venerdì 7 agosto 2020, ore 21:00

Palazzo Sanuti, loc. Fontana, Sasso Marconi (BO)

——————————

Sabato 8 agosto: Minor Swing Quartet

“Cinque musicisti bolognesi attivi da 10 anni. Spinti dall’amore per il gipsy jazz, ma desiderosi di creare un loro proprio sound ibrido, hanno deciso di riprendere i brani della tradizione manouche (il nome nasce proprio da uno dei brani più celebri di Django Reinhardt, Minor Swing) e provare a renderli loro, a contestualizzarli nella loro Bologna degli anni 2000. Nel 2019 la band è diventata un quartetto.

L’eterogeneità della band, che accomuna percorsi musicali differenti (dal rock al soul, dalla world music alla musica classica), è chiave di volta per il processo di modernizzazione del genere.

Il risultato infatti è una miscela esplosiva a base di rispetto per i grandi solisti del passato, con l’aggiunta di idee e arrangiamenti freschi e coraggiosi.”

Sabato 8 agosto, ore 21:00

Casa delle Acque, alla chiusa di Casalecchio di Reno (Bo)

                                                                                                          ——————————

 

Prenotazione obbligatoria

Per garantire la sicurezza del pubblico viene data precedenza agli spettatori prenotati

È possibile prenotare via:

• e-mail: prenotazioni.frb@gmail.com

• telefono: 051 836441 tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 13

Le prenotazioni aprono 1 settimana prima della data del concerto.

È possibile prenotare i posti fino alle ore 13:00 del giorno stesso del concerto.

 


 

Pubblicato il 11/07/2020

Overture è l’anteprima, in attesa della 34° edizione (invernale)

Sono 7 concerti gratuiti di Corti, Chiese e Cortili

Dalla redazione di CCC2020 riceviamo e volentieri pubblichiamo

Corti, Chiese e Cortili Ouverture 7 concerti di anteprima dal 10 luglio al 28 agosto 2020, gratuiti, in attesa della 34° edizione, rimandata a settembre 2020.

La rassegna Corti Chiese e Cortili rappresenta ormai un appuntamento fisso estivo per gli amanti della musica dal vivo. Grazie alla possibilità di riprendere gli spettacoli dal vivo la Fondazione Rocca dei Bentivoglio in accordo con i Comuni di Valsamoggia, Zola Predosa, Monte San Pietro, Casalecchio e Sasso Marconi, che assieme alla Regione Emilia Romagna sostengono con grande forza la rassegna, hanno deciso di programmare 7 appuntamenti all’aperto, una vera e propria Ouverture.

Floraleda Sacchi

Come sempre la forza della rassegna consiste nell’abbinare la musica dal vivo (nelle sue varie forme) a luoghi di grande interesse culturale del Distretto di Casalecchio, con l’intenzione di ampliare la portata della fruizione dalla musica al contesto. Oltre a questo, negli anni la rassegna ha saputo scegliere trame narrative sulle quali poi fare muovere l’intera stagione: nel 2020 sarà Beehtoven il protagonista nel 250 anniversario della sua nascita, ma rimane forte, soprattutto nella prima parte, nei 7 concerti estivi, l’attenzione verso le produzioni e le esecuzioni di giovani musicisti.

Luca Giardini

“I concerti spaziano, come da tradizione della rassegna, dalla musica antica, con attenzione alla prassi storicamente informata, alle nuove produzioni che guardano al presente e al futuro della creazione musicale – sostiene Enrico Bernardi, direttore artistico della rassegna – valorizzando giovani compositori e musicisti”

Minor Mali

La rassegna, nella sua forma completa, verrà realizzata tra settembre e dicembre 2020. Nell’ottica della fruizione multisensoriale, che mette in relazione l’ascolto della musica alla conoscenza del territorio, gli appuntamenti estivi saranno arricchiti da alcune attività, in modo particolare di osservazione e di trekking (da segnalare la passeggiata dopo il concerto dell’alba a Monteveglio e la passeggiata a Sasso Marconi).

Natan Rondelli

Le amministrazioni comunali sostenitrici del progetto Corti Chiese e Cortili hanno poi pensato, in questo anno particolare, di rendere gratuiti tutti i concerti della rassegna. “La decisione di non interrompere la tradizione dell’appuntamento estivo con Corti Chiese e Cortili e di impegnarci al massimo per renderlo possibile – dichiara Angela Di Pilato, assessore alla cultura del comune di Valsamoggia e coordinatrice del Distretto Culturale Reno Lavino Samoggia – è stata condivisa pienamente da tutti gli assessori alla cultura del Distretto. Volevamo dare un segnale: al mondo dello spettacolo, che ha sofferto tanto nel periodo di lockdown, e ai cittadini, per tornare a incontrarci durante l’estate. I concerti – e la gratuità è un ulteriore invito ad avvicinarsi alla rassegna, magari per la FONDAZIONE ROCCA DEI BENTIVOGLIO via contessa Matilde 10, 40053, oc. Bazzano, Valsamoggia (BO) prima volta – coniugano la possibilità di godere splendida musica a quella di scoprire il nostro patrimonio storico, artistico e paesaggistico: una bella opportunità sia per i nostri cittadini sia per i turisti, che scopriranno l’accoglienza del nostro territorio”.

Triobobo

Per venire incontro alle nuove disposizioni per le limitazione del contagio da covid19, cambiano le modalità di fruizione dei concerti, che saranno tutti a numero contingentato e con prenotazione.
Si comincia venerdì 10 Luglio alle ore 21, nel luogo dell’ultimo concerto dal vivo a Valsamoggia, prima della chiusura degli spettacoli in tutta Italia. Il cortile della Rocca dei Bentivoglio sarà la scena dove debutterà la nuova produzione originale targata Corti Chiese e Cortili Metamorphosi”. Lo spettacolo che fonde poesia, musica e danza si pone come una riflessione sul periodo che stiamo vivendo, tra cambiamenti inaspettati ma obbligati, nuove situazioni e un futuro incerto tutto da immaginare e costruire.

Il programma dell’Overture di CCC2020 potrete trovarlo cliccando QUI.

 

La 34° edizione di Corti Chiese e Cortili Winter Edition
La rassegna che si svilupperà da Settembre a Dicembre avrà come filo conduttore la musica di Beethoven nel duecentocinquantesimo anniversario della nascita. Molti saranno i concerti che celebreranno questo grande avvenimento cercando di esplorare la sua immensa produzione musicale.
Da segnalare l’integrale delle Sonate per pianoforte beethoveniane il 12 e 13 Dicembre presso la Rocca dei Bentivoglio di Bazzano, alla cui esecuzione, si alterneranno 32 pianisti, in collaborazione
con il Conservatorio G. B. Martini di Bologna. Inoltre i concerti dedicati alla sua musica da camera (serenate, trii per archi, musica vocale sacra e profana), alla musica per pianoforte e orchestra
con l’esecuzione della Fantasia Corale op 80 per pianoforte orchestra soli e coro.

Tornano i compositori in residenza, che presenteranno le loro prime esecuzioni dei brani commissionati per la rassegna. Sono Marco Pedrazzi e Michele Foresi, due giovani ma esperti musicisti con all’attivo già importanti collaborazioni in Italia e in Europa. Importantissima la ormai consueta collaborazione con il Festival Estense Grandezze e Meraviglie che ha già permesso di produrre importantissime opere di musica antica e che quest’anno porterà alla messa in scena di uno spettacolare oratorio Il Giosuè di Giovanni Bononcini a 350 anni dalla nascita.
L’interpretazione sarà affidata ad un cast d’eccezione diretto da uno dei giovani massimi esperti di musica antica Michele Vannelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.